Cantici Contatti Pubblicazioni






E Dio disse: ancora a Mosè: «Dirai questo ai figli d'Israele: YAHWEH, il Dio dei vostri padri, il Dio di Abramo, il Dio di Isacco e il Dio di Giacobbe mi ha mandato da voi”. Questo è il mio nome per sempre. E così sarò ricordato da tutte le generazioni. Esodo 3:15  (RVIC 2000 in lingua  italiana)

Poi guardai e vidi l'Agnello che stava in piedi sul monte Sion e con lui erano centoquarantaquattromila (eletti israeliti) persone che avevano il suo nome (Yahshua) e il nome (Yahweh) di suo Padre scritto sulla fronte...  Apocalisse 14:1
(Nuova Riveduta)

Ogni Scrittura è ispirata da Dio e utile a insegnare, a riprendere, a correggere,a educare alla giustizia, perché l'uomo di Dio sia completo e ben preparatoper ogni opera buona.  2Timoteo 3:16-17
Scarica, questo studio in formato audio MP3.

Scarica, questo studio in formato PDF.

LA PREESISTENZA DEL MESSIA.
ESISTEVA YAHSHÙA IN CIELO COME ESSERE SPIRITUALE
PRIMA DI VENIRE SULLA TERRA COME UOMO?

ALCUNE CHIESE E GRUPPI INSEGNANO CHE YAHSHÙA IL MESSIA (GESÙ CRISTO) NON È ESISTITO IN CIELO PRIMA DI VENIRE SULLA TERRA COME UOMO. AFFERMANO CHE LA SCRITTURA DICE CHE IL MESSIA NON ESISTEVA IN CIELO. CERCANO DI SOSTENERE QUESTA TEORIA CON ERRATE INTERPRETAZIONI DI ALCUNI VERSETTI BIBLICI. E CON LA TEORIA DELLA MENTALITÀ EBRAICA, DICONO CHE SENZA LA MENTALITÀ EBRAICA NOI OCCIDENTALI NON POSSIAMO CAPIRE LA SCRITTURA, APPUNTO PERCHÈ ABBIAMO LA MENTALITÀ OCCIDENTALE. INFATTI, ESSI DICONO: GLI EBREI NON SONO OCCIDENTALI, MA MEDIORIENTALI, ED È FACILE PER NOI, CON LA NOSTRA MENTALITÀ OCCIDENTALE, PRENDERE DELLE VERE E PROPRIE CANTONATE”. DICONO SEMPRE LORO: “CI SONO ALCUNI PASSI CHE POTREBBERO FAR PENSARE CHE SI PARLI DELLA PREESISTENZA DI YAHSHUA (GESÙ) IN CIELO”.

È VERA QUESTA AFFERMAZIONE? DOBBIAMO AVERE E RAGIONARE CON LA MENTALITÀ EBRAICA PER CAPIRE LA BIBBIA? O C’È BISOGNO, IN REALTÀ, DI UNO SPIRITO DI UMILTÀ! CIOÈ NON ESSERE UMILE COME PERSONA, PERCHÉ MOLTE PERSONE CHE CREDONO QUESTO SONO UMILI, MA UMILI NEL SENSO CHE CI DOBBIAMO ACCOSTARE ALL’ONNIPOTENTE YAHWÈH CON UMILTÀ, PERCHÉ LUI È AL DISOPRA DI OGNI LINGUA E DI OGNI MENTALITÀ EBRAICA ED OCCIDENTALE. LUI CONOSCE OGNI LINGUA ED OGNI MENTALITÀ, SIA DI QUESTO PIANETA CHE DELL’INTERO UNIVERSO! E TRAMITE IL SUO SPIRITO CI PARLERÀ CON UN LINGUAGGIO (MENTALITÀ) SPIRITUALE, NÉ OCCIDENTALE, NÉ EBRAICO. INFATTI HA SCELTO I SUOI ELETTI DA OGNI POPOLO, TRIBÙ E LINGUA, E PARLA DIRETTAMENTE ALLA NOSTRA COSCIENZA TRAMITE IL SUO SPIRITO!

Apocalisse 5:9 (Nuova Riveduta) dice: ESSI CANTAVANO UN CANTICO NUOVO, DICENDO: «TU SEI DEGNO DI PRENDERE IL LIBRO E DI APRIRNE I SIGILLI, PERCHÉ SEI STATO IMMOLATO E HAI ACQUISTATO A DIO, CON IL TUO SANGUE, GENTE DI OGNI TRIBÙ, LINGUA, POPOLO E NAZIONE.
DUNQUE CHIEDIAMO
L'AIUTO ALL’ONNIPOTENTE, CON FEDE!

Giacomo 1:5-6 (Nuova Riveduta) dice: Se poi qualcuno DI VOI MANCA DI SAGGEZZA, LA CHIEDA A DIO CHE DONA A TUTTI GENEROSAMENTE SENZA RINFACCIARE, E GLI SARÀ DATA. MA LA CHIEDA CON FEDE, SENZA DUBITARE; PERCHÉ CHI DUBITA RASSOMIGLIA A UN'ONDA DEL MARE, AGITATA DAL VENTO E SPINTA QUA E LÀ.

Tramite il suo SPIRITO, la Bibbia stessa c’è lo dimostrerà che è una idea estranea alla Bibbia e ci porta al più grande errore dottrinale della storia biblica! Infatti sia nel Vecchio che nel Nuovo Testamento la Bibbia e gli antichi rabbini sinceri, hanno riconosciuto, che nel Tanàkh, quello che noi chiamiamo Antico Testamento, si parla espressamente della preesistenza del Messia: “GIÀ CREATO NEL CIELO PRIMA DELLA FONDAZIONE DEL MONDO”; lo vedremo in questo studio, se avete la pazienza di leggerlo, con mente libera e con semplicità di cuore!


DA DOVE È VENUTO YAHSHÙA? È REALMENTE SCESO DAL CIELO?

DIAMO SUBITO LA PAROLA ALLO STESSO YAHSHÙA, CHE CI DICE, LUI STESSO, LA SUA PROVENIENZA. Giovanni 8:14 (Nuova Riveduta) dice: GESÙ RISPOSE LORO: "ANCHE SE IO TESTIMONIO DI ME STESSO, LA MIA TESTIMONIANZA È VERA, PERCHÉ SO DA DOVE SON VENUTO E DOVE VADO; MA VOI NON SAPETE DA DOVE IO VENGO NÉ DOVE VADO.

QUI VEDIAMO CHE YAHSHÙA AFFERMA: “CHE LUI SA DA DOVE È VENUTO E DOVE DOVEVA ANDARE”.

YAHSHÙA HA DETTO
 CHE NON ERA DI QUESTO MONDO.


QUALCHE VERSETTO PIÙ AVANTI, INFATTI, HA DETTO CHE LUI NON ERA DI QUESTO MONDO. LEGGIAMOLO IN Giovanni 8:23 (Nuova Riveduta): EGLI DICEVA LORO:

"VOI SIETE DI QUAGGIÙ (TERRA di questo mondo); IO SONO DI LASSÙ (CIELO (non di questo mondo); VOI SIETE DI QUESTO MONDO (specifica Yahshua, voi siete di qui); IO NON SONO DI QUESTO MONDO (specifica Yahshùa, io non sono di qui).


QUI VEDIAMO CHIARAMENTE CHE YAHSHUA DICE:
VOI SIETE DI QUAGGIÙ”. Cioè loro e noi siamo di qui, di questo mondo!
IO SONO DI LASSÙ”. Cioè, lui, Yahshua, è del Cielo, viene dal Cielo, dal Regno Spirituale!

YAHSHUA HA DETTO A PILATO CHE IL SUO REGNO NON ERA DI QUESTO MONDO (PIANETA). Leggiamolo in Giovanni 18:36 (Nuova Riveduta): Gesù rispose: «IL MIO REGNO NON È DI QUESTO MONDO; SE IL MIO REGNO FOSSE DI QUESTO MONDO, I MIEI SERVITORI COMBATTEREBBERO PERCHÉ IO NON FOSSI DATO NELLE MANI DEI GIUDEI; MA ORA IL MIO REGNO NON È DI QUI».

NOTIAMO CHE YAHSHÙA DICE: «IL MIO REGNO NON È DI QUESTO MONDO.

RIPETE YAHSHÙA: SE IL MIO REGNO FOSSE DI QUESTO MONDO” - AGGIUNGE YAHSHÙA - I MIEI SERVITORI COMBATTEREBBERO PERCHÉ IO NON FOSSI DATO NELLE MANI DEI GIUDEI”.

DUNQUE NON SOLO DICE CHE NON È DI QUESTO MONDO, ED AGGIUNGE: “CHE HA UN REGNO E DEI SERVITORI CHE NON SONO DI QUESTO MONDO, CHE COMBATTEREBBERO PER LUI”. CHI SONO QUESTI SERVITORI? FORSE GLI APOSTOLI, CHE POVERINI, COME SAPPIAMO, SONO SCAPPATI E PIETRO L’HA RINNEGATO TRE VOLTE? ERANO TALMENTE IMPAURITI CHE GIÀ NON CAPIVANO PIÙ NIENTE, E CON LA LORO MENTALITÀ EBRAICA ANCORA NON AVEVANO CAPITO LA MISSIONE DEL MESSIA. ED ANCHE NOI, CON LA NOSTRA MENTALITÀ OCCIDENTALE, AVREMMO FATTO LO STESSO!

MI SEMBRA ABBASTANZA CHIARO CHE QUI YAHSHUA DICE CHE NON ERA DI QUESTO MONDO (PIANETA), E LUI AVEVA UN REGNO CON DEI SERVITORI CHE NON ERANO DI QUESTO MONDO (PIANETA).

SEMPRE YAHSHÙA, IL NOSTRO SALVATORE, HA DETTO CHE LUI ESISTEVA PRIMA CHE FOSSE NATO ABRAMO. Leggiamolo in Giovanni 8:58 (Nuova Riveduta): Gesù disse loro: "IN VERITÀ, IN VERITÀ VI DICO: PRIMA CHE ABRAAMO FOSSE NATO, IO SONO".

LEGGIAMO QUESTO VERSETTO IN UNA VERSIONE SPAGNOLA, CHE RENDE MEGLIO IL SENSO DELLE PROLE DEL MESSIA:
(DHHe) Jesús les contestó:
OS ASEGURO QUE YO EXISTO DESDE ANTES
QUE EXISTIERA ABRAHAM.

Gesù rispose: VI ASSICURO CHE IO ESISTO PRIMACHE ESISTESSE ABRAMO.

COME VEDIAMO, QUI YAHSHÙA DISSE AI GIUDEI CHE LUI È ESISTITO PRIMA CHE FOSSE NATO ABRAMO. VI DOMANDO IO: COME È POSSIBILE CHE LUI SIA ESISTITO

PRIMA CHE FOSSE NATO ABRAMO, SE NON ESISTEVA IN CIELO PRIMA DI NASCERE COME UOMO?
CHIARISSIME LE PAROLE DEL MAESTRO: VI ASSICURO CHE IO ESISTO PRIMA CHE ESISTESSE ABRAMO”.

VEDIAMO COSA AVEVANO CAPITO I GIUDEI CON LA LORO MENTALITÀ EBRAICA, CIOÈ, SE AVEVANO CAPITO VERAMENTE CHE YAHSHÙA ERA ESISTITO PRIMA CHE FOSSE NATO ABRAMO”. LEGGIAMO I VERSETTI PRECEDENTI ED ANALIZZIAMOLI Giovanni 8:54-59 (Nuova Riveduta) GESÙ RISPOSE: "SE IO GLORIFICO ME STESSO, LA MIA GLORIA È NULLA; CHI MI GLORIFICA È IL PADRE MIO, CHE VOI DITE ESSERE VOSTRO DIO, E NON L'AVETE CONOSCIUTO; MA IO LO CONOSCO, E SE DICESSI DI NON CONOSCERLO, SAREI UN BUGIARDO COME VOI; MA IO LO CONOSCO E OSSERVO LA SUA PAROLA.

ABRAAMO, VOSTRO PADRE, HA GIOITO NELL'ATTESA DI VEDERE IL MIO GIORNO; E L'HA VISTO, E SE N'È RALLEGRATO". I GIUDEI GLI DISSERO:

"TU NON HAI ANCORA CINQUANT'ANNI E HAI VISTO ABRAAMO?" Gesù disse loro: "IN VERITÀ, IN VERITÀ VI DICO: PRIMA CHE ABRAAMO FOSSE NATO, IO SONO". ALLORA ESSI PRESERO DELLE PIETRE PER TIRARGLIELE; MA GESÙ SI NASCOSE E USCÌ DAL TEMPIO.

LA PRIMA COSA DA NOTARE È CHE PER QUESTA SUA AFFERMAZIONE:

CHE LUI È ESISTITO PRIMA CHE FOSSE NATO ABRAMO”, LO VOLEVANO LAPIDARE. MI SEMBRA OVVIO CHE HANNO CAPITO PERFETTAMENTE CIÒ CHE IL MAESTRO AVEVA DETTO: “LUI ERA ESISTITO PRIMA CHE FOSSE NATO ABRAMO”, ED IL MAESTRO È STATO CHIARISSIMO, NON HA LASCIATO NESSUN DUBBIO AI GIUDEI. E RIPETO, PER QUESTO LO VOLEVANO LAPIDARE, PER AVER DETTO CHE LUI ESISTEVA PRIMA CHE ABRAMO FOSSE NATO.

I GIUDEI GLI DISSERO:
"TU NON HAI ANCORA CINQUANT'ANNI E HAI VISTO ABRAAMO?".

NOTIAMO QUI CHE I GIUDEI AVEVANO CAPITO PERFETTAMENTE CHE IL MAESTRO ERA ESISTITO PRIMA CHE ABRAMO FOSSE NATO.

CONTINUIAMO ANALIZZANDO
LE PAROLE DEL MAESTRO:
E NON L'AVETE CONOSCIUTO; MA IO LO CONOSCO”.E SE DICESSI DI NON CONOSCERLO, SAREI UN BUGIARDO COME VOI”. ATTENZIONE QUI IL MAESTRO STA DICENDO AI GIUDEI CHE LORO SI VANTAVANO DI CONOSCERE IL PADRE, MA IN REALTÀ NON LO CONOSCEVANO; MENTRE LUI, CIOÈ IL MAESTRO, STA DICENDO AI GIUDEI CHE LO CONOSCE DAVVERO, TANTO CHE EGLI DICE CHE SAREBBE BUGIARDO COME LORO, SE DICESSE DI NON CONOSCERLO.


RIPETO NUOVAMENTE, IL MAESTRO DICE LORO: “CHE LUI È ESISTITO PRIMA CHE FOSSE NATO ABRAMO”. HA DETTO QUESTO DETTAGLIO PER SOTTOLINEARE CHE LUI CONOSCEVA FISICAMENTE IL PADRE ONNIPOTENTE, LUI CONOSCEVA FISICAMENTE ABRAAMO.

INSOMMA, IN ALTRE PAROLE, I GIUDEI GLI DICONO: “CI VUOI PRENDERE IN GIRO? CREDI CHE SIAMO CRETINI? NON HAI NEANCHE CINQUANT’ANNI E CI VUOI FAR CREDERE CHE TU SEI ESISTITO PRIMA CHE FOSSE NATO IL NOSTRO PADRE ABRAMO? ED HAI PURE VISTO ABRAMO, NOSTRO PADRE? TU SEI PAZZO!”.

NATURALMENTE, NON L’HANNO CREDUTO, ED ANCHE OGGI MOLTI NON CREDONO A YAHSHUA. INFATTI, DICONO: COME È POSSIBILE CHE LUI È ESISTITO PRIMA CHE FOSSE NATO ABRAMO? DOBBIAMO RAGIONARE CON LA MENTALITÀ EBRAICA. MA QUI I GIUDEI, CIOÈGLI EBREI ORIGINALI” HANNO CAPITO IL CONTRARIO DI QUELLI DI CHE OGGI. QUESTI DICONO: “YAHSHÙA È VENUTO ALL’ESISTENZA SOLO CON LA NASCITA TRAMITE MARIA!

SE QUESTA TEORIA FOSSE VERA, YAHSHÙA SAREBBE UN BUGIARDO, COME LUI STESSO HA DETTO AI GIUDEI: “E SE DICESSI DI NON CONOSCERLO (IL PADRE), SAREI UN BUGIARDO COME VOI”.

DOMANDIAMO: YAHSHÙA È BUGIARDO? VOI RISPONDERETE: “NO!”. ESATTO: “NO!”. NO, IL MAESTRO NON È BUGIARDO. INFATTI, LO RIPETO NUOVAMENTE:

I GIUDEI HANNO CAPITO PERFETTAMENTE CHE YAHSHÙA AFFERMAVA CHE LUI ERA ESISTITO PRIMA CHE FOSSE NATO ABRAMO, E CHE YAHSHÙA AVEVA VISTO ABRAMO! RILEGGIAMO LE LORO PAROLE: “TU NON HAI ANCORA CINQUANT'ANNI E HAI VISTO ABRAAMO?”.


SEMPRE IL MAESTRO, CI DICE CHE LUI GIÀ ESISTEVA PRIMA DELLA ESISTENZA DEL MONDO. LEGGIAMOLO IN Giovanni 17:5 (Nuova Riveduta): ORA, O PADRE, GLORIFICAMI TU PRESSO DI TE DELLA GLORIA CHE AVEVO PRESSO DI TE PRIMA CHE IL MONDO ESISTESSE.

NOTIAMO QUI CHE YAHSHÙA AVEVA UNA GLORIA CON IL PADRE:

GLORIA CHE AVEVO PRESSO DI TE”.
NOTIAMO CHE STA PARLANDO DEL TEMPO PASSATO. INFATTI, AGGIUNGE:
PRIMA CHE IL MONDO ESISTESSE”.

Giovanni 6:62 (Nuova Riveduta) DICE: E CHE SAREBBE SE VEDESTE IL FIGLIO DELL'UOMO ASCENDERE DOV'ERA PRIMA?

Giovanni 16:28 (Nuova Riveduta): SONO PROCEDUTO DAL PADRE E SONO VENUTO NEL MONDO; ORA LASCIO IL MONDO E VADO AL PADRE".

YAHSHÙA ESISTEVA CON IL PADRE NEL CIELO, SENZA OMBRA DI DUBBIO. INSOMMA, PERCHÉ SI DEVE NEGARE L’EVIDENZIA COSI CHIARA E NON ACCETTARE SEMPLICEMENTE QUELLO CHE DICE LO STESSO MESSIA, SENZA TANTE COMPLICAZIONI? RIPETO, SONO LE STESSE PAROLE DEL MESSIA, LO STUDIO POTREBBE TERMINARE QUI!

IO CREDO, CON SEMPLICITÀ DI CUORE ALLE PAROLE DEL MESSIA!
Giovanni 8:23 8 (Nuova Riveduta)
DICE:

"VOI SIETE DI QUAGGIÙ, “TERRA”, (di questo mondo);
IO SONO DI LASSÙ,
“CIELO”, (non di questo mondo);

VOI SIETE DI QUESTO MONDO (specifica Yahshua, voi siete di qui);
IO NON SONO DI QUESTO MONDO (specifica Yahshua, io non sono di qui).

RICEVETE LE PAROLE DEL MAESTRO CON SEMPLICITÀ DI CUORE ANCHE VOI:
IO SONO DI LASSÙ”.
PRIMA DI CONTINUARE, VI RICORDO NUOVAMENTE, NÉ CON LA NOSTRA MENTALITÀ NÊ CON LA MENTALITÀ EBRAICA CAPIREMO LA SCRITTURA. COME GIÀ DETTO, CI VUOLE LA MENTALITÀ SPIRITUALE UNIVERSALE!

COME ABBIAMO VISTO, I VERSETTI SONO CHIARISSIMI!

MA ANDIAMO A PRENDERE ALCUNI VERSETTI CHE I SOSTENITORI DI QUESTA TEORIA PRENDONO, E DICONO CHE LI DOBBIAMO LEGGERE SECONDO LA MENTALITÀ EBRAICA.

RIPETO NUOVAMENTE, NÉ CON LA NOSTRA MENTALITÀ NÉ CON LA MENTALITÀ EBRAICA CAPIREMO LA SCRITTURA. COME GIÀ DETTO, CI VUOLE LA MENTALITÀ SPIRITUALE UNIVERSALE!

SEMPRE LO STESSO YAHSHÙA, HA ANCHE DETTO
CHE È ERA SCESO DAL CIELO!
Leggiamolo in: Giovanni 3:13 (Nuova Riveduta):

NESSUNO È SALITO IN CIELO (qui sta dicendo che da qui nessuno è andato in cielo),

SE NON COLUI CHE È DISCESO DAL CIELO (qui, invece, sta dicendo che lui è sceso dal cielo, cioè dal posto da dove (cielo) nessuno da qui è mai andato):

IL FIGLIO DELL'UOMO (lui stesso).

PER SCENDERE DA UN POSTO BISOGNA ESSERE IN QUEL POSTO.

PER ESEMPIO: IO SCENDO DALLA SCALA!
PER ESEMPIO: IO SCENDO DAL PRIMO PIANO DI CASA MIA.
PER ESEMPIO: IO SCENDO DALLA MIA MACCHINA.
PER ESEMPIO: IO SCENDO DALLA NAVE.
PER ESEMPIO: IO SCENDO DA MILANO A ROMA IN MACCHINA.

LA PRIMA COSA DA NOTARE È CHE IL MAESTRO, PRIMA DI TUTTO, HA DETTO: “NESSUNO È SALITO IN CIELO”. PERCHÉ PRIMA DICE QUESTO A NICODEMO? L’HO HA DETTO PER RIMARCARE IL SEGUENTE: COLUI CHE È DISCESO DAL CIELO”. QUI STA DICENDO A NICODEMO CHE EGLI È SCESO DAL CIELO, CIOÈ DALLA DIMENSIONE SPIRITUALE (CIELO), DOVE NESSUNO DA QUI È MAI ANDATO, A PARTE LUI CHE SCESO!

VI FACCIO UNA DOMANDA. LA FRASE CHE IL MAESTRO HA DETTO:

NESSUNO È SALITO IN CIELO” È SIMBOLICA? CIOÈ, È UNA ESPRESSIONE EBRAICA? DIRETE VOI: NO È REALE”. ESATTO! SONO D'ACCORDISSIMO CON VOI!

ALLORA, VISTO CHE È REALE CHE NESSUNO È SALITO IN CIELO”, DOBBIAMO CONCLUDERE CHE QUANDO IL MAESTRO DICE CHE EGLI “È DISCESO DAL CIELO” È PURE REALE, E NON È SIMBOLICO. NON È UNA ESPRESSIONE EBRAICA! CIOÈ LUI È SCESO REALMENTE DAL CIELO, COME AFFERMA LO STESSO MESSIA:
COLUI CHE È DISCESO DAL CIELO”,
SONO DISCESO DAL CIELO”,
IO SONO DI LASSÙ”.

IO CREDO CON SEMPLICITÀ DI CUORE ALLE PAROLE DEL MESSIA!

ANDIAMO A LEGGERE ALTRI VERSETTI IN CUI SEMPRE IL MAESTRO AFFERMA CHE È SCESO DAL CIELO. LEGGIAMO Giovanni 6:38 (Nuova Riveduta): SONO DISCESO DAL CIELO NON PER FARE LA MIA VOLONTÀ, MA LA VOLONTÀ DI COLUI CHE MI HA MANDATO.

ANDIAMO A VEDERE COSA HANNO CAPITO I GIUDEI CON LA LORO MENTALITÀ EBRAICA NELLO STESSO CAPITOLO 6, AL VERSETTO 42 (NUOVA RIVEDUTA):

E DICEVANO: “NON È COSTUI GESÙ, IL FIGLIUOLO DI GIUSEPPE, DEL QUALE CONOSCIAMO IL PADRE E LA MADRE? COME MAI DICE EGLI ORA: IO SON DISCESO DAL CIELO?”.

COME VEDIAMO QUI CHIARAMENTE, I GIUDEI HANNO CAPITO LETTERALMENTE CHE YAHSHUA DICEVA DI ESSERE SCESO DAL CIELO!

IN ALTRE PAROLE, DICEVANO: “QUESTO È IL FIGLIO DI GIUSEPPE E DI MARIA, NOI LI CONOSCIAMO. COME È POSSIBILE CHE STA DICENDO, ADESSO, CHE È SCESO DAL CIELO?”.

I GIUDEI AVEVANO CAPITO BENE, SOLO CHE NON LO CREDEVANO. LO SAPEVATE CHE GIOVANNI BATTISTA AVEVA PROFETIZZATO CHE NON AVREBBERO CREDUTO AL MESSIA? LEGGIAMOLO DALLE STESSE PAROLE DEL BATTISTA IN Giovanni 3:32 (Nuova Riveduta): EGLI RENDE TESTIMONIANZA DI QUELLO CHE HA VISTO E UDITO, MA NESSUNO RICEVE LA SUA TESTIMONIANZA.

TENETE A MENTE QUESTE PAROLE DI GIOVANNI
LE RILEGGEREMO DI NUOVO, PIÙ AVANTI!

LA SCRITTURA È ABBASTANZA CHIARA SULLA PREESISTENZA DEL MESSIA! MA VEDIAMO DI TROVARE ANCORA PIÙ INFORMAZIONI. ANALIZZIAMO LE PAROLE DETTE DAL MAESTRO A NICODEMO. LEGGIAMO Giovanni 3:11 (Nuova Riveduta): IN VERITÀ, IN VERITÀ TI DICO CHE NOI PARLIAMO DI CIÒ CHE SAPPIAMO, E TESTIMONIAMO DI CIÒ CHE ABBIAMO VISTO; MA VOI NON RICEVETE LA NOSTRA TESTIMONIANZA.

ATTENZIONE, QUI, ALLE PAROLE DEL MAESTRO: NOI PARLIAMO DI CIÒ CHE SAPPIAMO E TESTIMONIAMO DI CIÒ CHE ABBIAMO VISTO”.

NOTIAMO QUI CHE PARLA AL PLURALE: “CHE ABBIAMO VISTO”.
CON CHI L’HA VISTO QUESTE COSE: “DOVE L’HA VISTO?”, “QUANDO L’HA VISTO?”.

PERCHÉ QUI IL MAESTRO PARLAVA AL PLURALE? A CHI SI STAVA RIFERENDO?

FORSE STAVA PARLANDO AL PLURALE RIFERENDOSI:
A LUI ED AI SUOI DISCEPOLI?
A LUI E A I PROFETI ANTICHI?
A LUI E A GIOVANNI BATTISTA?

DIRETE VOI: “NO!”. ESATTO: “NO!”. INFATTI, LE STESSE PAROLE DI GIOVANNI BATTISTA CI CONFERMANO CHE NON STA PARLANDO NÉ DEI DISCEPOLI, NÉ DEI PROFETI, NÉ DI GIOVANNI BATTISTA. RILEGGIAMO LE STESSE PAROLE DI GIOVANNI BATTISTA, Rileggiamo in Giovanni 3:32 (Nuova Riveduta): EGLI RENDE TESTIMONIANZA DI QUELLO CHE HA VISTO E UDITO, MA NESSUNO RICEVE LA SUA TESTIMONIANZA.

NOTIAMO QUI CHE GIOVANNI BATTISTA DICE: “EGLI RENDE TESTIMONIANZA DI QUELLO CHE HA VISTO”, CIOÈ YAHSHÙA HA VISTO E RENDE TESTIMONIANZA!

GIOVANNI BATTISTA NON DICE:
NOI RENDIAMO TESTIMONIANZA DI QUELLO CHE ABBIAMO VISTO; NON DICE: LUI ED I DISCEPOLI RENDONO TESTIMONIANZA DI QUELLO CHE HANNO VISTO”;

NON DICE NEANCHE: LUI E I PROFETI ANTICHI RENDONO TESTIMONIANZA DI QUELLO CHE HANNO VISTO”. ALLORA DI CHI STA PARLANDO?

DUNQUE, YAHSHUA HA VISTO E RENDE TESTIMONIANZA!

EGLI RENDE TESTIMONIANZA DI QUELLO CHE HA VISTO E UDITO

COME GIA ABBIAMO LETTO, GIOVANNI BATTISTA PER LO SPIRITO SANTO ANTICIPA CHE NESSUNO AVREBBE CREDUTO ALLA SUA SUA TESTIMONIANZA:

INFATTI, I GIUDEI NON HANNO CREDUTO ALLA SUA TESTIMONIANZA. RILEGGIAMO Giovanni 8:13 (Nuova Riveduta). ALLORA I FARISEI GLI DISSERO: "TU TESTIMONI DI TE STESSO; LA TUA TESTIMONIANZA NON È VERA".

VEDIAMO QUI CHE I FARISEI NON CREDEVANO ALLA SUA TESTIMONIANZA! LEGGIAMO LA RISPOSTA DEL MAESTRO AI FARISEI. RILEGGIAMO Giovanni 8:14 (Nuova Riveduta): GESÙ RISPOSE LORO: "ANCHE SE IO TESTIMONIO DI ME STESSO, LA MIA TESTIMONIANZA È VERA, PERCHÉ SO DA DOVE SON VENUTO E DOVE VADO; MA VOI NON SAPETE DA DOVE IO VENGO NÉ DOVE VADO.

LE COSE CELESTI.
LEGGIAMO E COMMENTIAMO Giovanni 3:12 (Nuova Riveduta) DOVE IL MAESTRO DICE A NICODEMO: SE VI HO PARLATO DELLE COSE TERRENE E NON CREDETE, COME CREDERETE SE VI PARLERÒ DELLE COSE CELESTI?

ATTENZIONE QUI IL MAESTRO, DICE A NICODEMO:
COME CREDERETE SE VI PARLERÒ DELLE COSE CELESTI?

QUI IL MAESTRO DICE A NICODEMO IN ALTRE PAROLE: “COME POTREI FARVI CAPIRE, CON ESEMPI DELLE COSE CHE IO HO VISTO NEL CIELO, DATO CHE NON RIUSCITE A CAPIRE LE COSE SEMPLICI DI QUESTO MONDO?”.

IN ALTRE PAROLE, IL MAESTRO QUI STA DICENDO A NICODEMO CHE EGLI HA VISTO, IN CIELO, LE COSE DI CUI GLI VORREBBE PARLARE, PERÒ NON LO PUÒ FARE, PERCHÉ NON POTREBBE CAPIRE.

RILEGGIAMO DI NUOVO IL VERSETTO PRECEDENTE DI GIOVANNI CAPITOLO 3, VERSETTO 11. IN VERITÀ, IN VERITÀ TI DICO CHE NOI PARLIAMO DI CIÒ CHE SAPPIAMO E TESTIMONIAMO DI CIÒ CHE ABBIAMO VISTO; MA VOI NON RICEVETE LA NOSTRA TESTIMONIANZA.

DI NUOVO, RIPETO, IL COMMENTO AL VERSETTO 11 DEL CAPITOLO 3 DI GIOVANNI. SCUSATE, MA È NECESSARIO, VISTA L’IMPORTANZA DELL’ARGOMENTO. QUI YAHSHÙA DICE: TESTIMONIAMO DI CIÒ CHE ABBIAMO VISTO”.

NOTIAMO QUI CHE PARLA AL PLURALE: “CHE ABBIAMO VISTO”.
CON CHI L’HA VISTO QUESTE COSE? DOVE L’HA VISTO? QUANDO L’HA VISTO?

MI SEMBRA EVIDENTE CHE IL MAESTRO STA DICENDO A NICODEMO CHE LUI HA VISTO LE COSE CELESTI, E QUANDO LE HA VISTE ERA CON QUALCUNO, E QUESTO QUALCUNO ERA IL PADRE.

RILEGGIAMO Giovanni 3:12 (Nuova Riveduta): SE VI HO PARLATO DELLE COSE TERRENE E NON CREDETE, COME CREDERETE SE VI PARLERÒ DELLE COSE CELESTI?

QUI IL MAESTRO STA DICENDO CHE QUESTE COSE CHE HA VISTO SONO CELESTI, VERO O NO? DIRETE: ”VOI SI, CERTO CHE SONO CELESTI!”. ESATTO!

E DOMANDO IO: LE COSE CELESTI DOVE SONO IN CIELO O SULLA TERRA? DIRETE VOI: NEL CIELO, NATURALMENTE!”. ESATTO. “D'ACCORDISSIMO, NEL CIELO!”. DUNQUE, YAHSHÙA ERA NEL CIELO.

SÌ, QUESTE COSE IL MAESTRO LE HA VISTE IN CIELO, PRIMA DI NASCERE COME UOMO QUI SULLA TERRA, PERCHÉ COME ABBIAMO GIÀ VISTO, IL MAESTRO HA DETTO: “IO SONO DI LASSÙ”. Rileggiamo Giovanni 8:23 (Nuova Riveduta): EGLI DICEVA LORO:

VOI SIETE DI QUAGGIÙ, “TERRA” (di questo mondo);
IO SONO DI LASSÙ, “CIELO” (non di questo mondo);
VOI SIETE DI QUESTO MONDO (specifica Yahshùa, voi siete di qui); IO NON SONO DI QUESTO MONDO (specifica Yahshùa, io non sono di qui).

RIPETO NUOVAMENTE: SONO LE STESSE PAROLE DEL MESSIA CHE CI DICONO IL CONTRARIO! CONTINUIAMO, E DIAMO SEMPRE LA PAROLA AL NOSTRO MAESTRO YAHSHÙA!

VI FACCIO UNA DOMANDA: CREDETE CHE YAHSHÙA È FIGLIO DI DIO? RISPONDERETE: SI CERTO! MOLTO BENE!

TENETE A MENTE QUESTA DOMANDA. ANDIAMO AVANTI CON LO STUDIO. INFATTI, IL SOMMO SACERDOTE A YAHSHÙA HA FATTO LA STESSA DOMANDA CHE HO FATTO IO A VOI AL CONTRARIO. CIOÈ, HA DOMANDATO A YAHSHÙA SE LUI ERA VERAMENTE IL FIGLIO DI YAHWEH. STRANA DOMANDA. FORSE TUTTI NOI CREDENTI NON SIAMO FIGLI DI DIO? SI CERTO!

MA SIA IL SOMMO SACERDOTE, SIA I GIUDEI SAPEVANO CHE YAHWEH AVEVA UN FIGLIO SPECIALE, NON UMANO, E PER QUESTO GLI FA QUESTA DOMANDA. ALTRIMENTI, QUESTA DOMANDA E ANCHE LA LORO REAZIONE NON AVREBBERO ALCUN SENSO.

LEGGIAMO E COMMENTIAMO ASSIEME Matteo 26:63-66 (Nuova Riveduta): MA GESÙ TACEVA. E IL SOMMO SACERDOTE GLI DISSE: "TI SCONGIURO PER IL DIO VIVENTE DI DIRCI SE TU SEI IL CRISTO, IL FIGLIO DI DIO".

GESÙ GLI RISPOSE: "TU L'HAI DETTO; ANZI VI DICO CHE DA ORA IN POI VEDRETE IL FIGLIO DELL'UOMO SEDUTO ALLA DESTRA DELLA POTENZA, E VENIRE SULLE NUVOLE DEL CIELO". ALLORA, IL SOMMO SACERDOTE SI STRACCIÒ LE VESTI, DICENDO: "EGLI HA BESTEMMIATO; CHE BISOGNO ABBIAMO ANCORA DI TESTIMONI? ECCO, ORA AVETE UDITO LA SUA BESTEMMIA; CHE VE NE PARE?" ED ESSI RISPOSERO: "È REO DI MORTE"

ANALIZZIAMO I VERSETTI:
YAHSHÙA NON PARLA E IL SOMMO SACERDOTE GLI DICE: "TI SCONGIURO PER IL DIO VIVENTE DI DIRCI SE TU SEI IL CRISTO, IL FIGLIO DI DIO". QUI DOVETE APRIRE IL CUORE, PERCHÉ SIAMO ARRIVATI AL CUORE DELLA IDENTITÀ DI YAHSHÙA COME FIGLIO DI YAHWÈH. PER IL SOMMO SACERDOTE ED I GIUDEI IN GENERALE, DIRE FIGLIO DI DIO AL SINGOLARE SIGNIFICAVA FARSI UGUALE A DIO! DIRETE VOI:

CHE STAI DICENDO? SEI MATTO? CHE BESTEMMIA!

CALMA, CALMA! RILASSIAMOCI! RESPIRIAMO PROFONDAMENTE!


YAHSHUA RISPONDE: “TU L'HAI DETTO”, È UNA RISPOSTA AFFERMATIVA, CIOÈ: “ESATTO, È COSÌ. SÌ, SONO IL FIGLIO DI YAHWÈH”, CERTO YAHSHÙA QUI NON POTEVA NON RISPONDERE, PERCHÉ SAREBBE STATO COME NEGARE LA SUA IDENTITÀ!

LA REAZIONE DEL SOMMO SACERDOTE: “SI STRACCIÒ LE VESTI, DICENDO: EGLI HA BESTEMMIATO. PER LORO È UNA BESTEMMIA L’AFFERMAZIONE DI YAHSHÙA DI ESSERE “IL FIGLIO DI DIO”. TUTTI I CREDENTI SONO FIGLI DI YAHWÈH, MA FIGLIO DI YAHWÈH, AL SINGOLARE, DETTO DA YAHSHÙA, SIGNIFICAVA FIGLIO UNICO, UNIGENITO, E IL SOMMO SACERDOTE L’AVEVA CAPITO BENE!

LEGGIAMO Giovanni 3:16 (Nuova Riveduta): PERCHÉ DIO HA TANTO AMATO IL MONDO, CHE HA DATO IL SUO UNIGENITO FIGLIO, AFFINCHÉ CHIUNQUE CREDE IN LUI NON PERISCA, MA ABBIA VITA ETERNA.

SECONDO ALCUNI STUDIOSI: “UNIGENITO” SI DOVREBBE TRADURRE: “FIGLIO UNICO”. IN OGNI CASO, È LO STESSO! COMUNQUE, QUESTO STA A SIGNIFICARE CHE YAHSHÙA È L’UNICO FIGLIO SPECIALE DI YAHWÈH!

CONTINUIAMO CON IL COMMENTO DI Matteo 26:63-66: SEMPRE IL SOMMO SACERDOTE CHE DICE AGLI ALTRI SACERDOTI: “AVETE UDITO LA SUA BESTEMMIA? CHE VE NE PARE?. ED ESSI RISPOSERO: "È REO DI MORTE".

PERCHÉ REO DI MORTE? PERCHÉ SI È FATTO UGUALE A DIO.

COME GIÀ DETTO, COME SI POTEVA FARE UGUALE A DIO UN UOMO? ANCHE SE SCELTO DA YAHWÈH, ERA SEMPRE UN UOMO. NESSUNO DEI PROFETI, NEANCHE IL PIÙ GRANDE DEGLI UOMINI NATO DA DONNA, CIOÈ GIOVANNI BATTISTA, SI È DEFINITO “IL FIGLIO DI DIO”, E NON HA MAI DETTO: “SONO IL FIGLIO DI DIO”.

I SACERDOTI SAPEVANO PERFETTAMENTE CHE DIRE: “SONO IL FIGLIO DI DIO” ERA UNA BESTEMMIA, PERCHÉ CHI AFFERMAVA QUESTO SI FACEVA UGUALE A DIO. E L’UNICO CHE LO POTEVA DIRE ERA “L’UNICO FIGLIO DI DIO”, CIOÈ IL MESSIA. LORO SAPEVANO DELLA ESISTENZA DI QUESTO “FIGLIO SPECIALE”, PRESENTE NEL TANHAK, ESISTENTE IN CIELO AL FIANCO DI YAHWÈH.

CONTINUIAMO CON LA LETTURA DELLA SCRITTURA. LEGGIAMO Giovanni 10:33 (Nuova Riveduta): I GIUDEI GLI RISPOSERO: «NON TI LAPIDIAMO PER UNA BUONA OPERA, MA PER BESTEMMIA; E PERCHÉ TU, CHE SEI UOMO, TI FAI DIO».

Giovanni 5:18 (Nuova Riveduta): PER QUESTO I GIUDEI PIÙ CHE MAI CERCAVANO DI UCCIDERLO; PERCHÉ NON SOLTANTO VIOLAVA IL SABATO, MA CHIAMAVA DIO SUO PADRE, FACENDOSI UGUALE A DIO.

PERCHÉ I GIUDEI VOLEVANO LAPIDARE IL MESSIA?

LO VOLEVANO LAPIDARE PER IL FATTO CHE SI FACEVA “UGUALE A DIO”, PUR ESSENDO UN UOMO. CERTO CHE “ERA UNA BESTEMMIA”, ED AVEVANO RAGIONE DAL LORO PUNTO DI VISTA, PERCHÉ NON CREDEVANO A YAHSHÙA COME MESSIA DI ISRAELE.

PER LORO, ERA FALSO ED UN FALSO MESSIA. E DI CONSEGUENZA, UN FALSO MESSIA NON POTEVA ATTRIBUIRSI IL TITOLO DI FIGLIO DI YAHWÈH, CHE SPETTAVA SOLO AL VERO MESSIA, CIOÈ ALL’UNICO FIGLIO DI YAHWÈH, SECONDO IL LORO PUNTO DI VISTA! E PER QUESTO VOLEVANO UCCIDERLO, E L’HANNO FATTO. SE YAHSHÙA NON SI FOSSE PRESENTATO COME FIGLIO DI YAHWÈH, MAI E POI MAI L’AVREBBERO CONDANNATO A MORTE!

RILEGGIAMO DI NUOVO LE PAROLE DEI GIUDEI, CHE VOLEVANO LAPIDARLO:
PER BESTEMMIA; E PERCHÉ TU, CHE SEI UOMO, TI FAI DIO”,
  “CHIAMAVA DIO SUO PADRE, FACENDOSI UGUALE A DIO”.

ANDIAMO A LEGGERE ANCHE LE PAROLE DEI SACERDOTI DETTE A PILATO.

Giovanni 19:7 (Nuova Riveduta): I GIUDEI GLI RISPOSERO: «NOI ABBIAMO UNA LEGGE, E SECONDO QUESTA LEGGE EGLI DEVE MORIRE, PERCHÉ SI È FATTO FIGLIO DI DIO».

COME POSSIAMO VEDERE, PER I GIUDEI YAHSHÙA DOVEVA MORIRE IN BASE ALLA LORO LEGGE, PERCHÉ SI È FATTO “FIGLIO DI DIO”, E PENSO SARETE D’ACCORDO CHE, COME GIÀ DETTO, SE YAHSHÙA NON SI FOSSE PRESENTATO COME FIGLIO DI YAHWÈH, MAI E POI MAI L’AVREBBERO CONDANNATO A MORTE!

PER ESEMPIO, GIOVANNI BATTISTA NON L’HANNO UCCISO I SACERDOTI, MA IL RE ERODE, SOTTO INFLUENZA DELLA FIGLIASTRA, CHE GLI HA CHIESTO LA TESTA, PERCHÉ GIOVANNI BATTISTA ACCUSAVA IL RE DI AVER PRESO LA MOGLIE DI SUO FRATELLO. LEGGIAMOLO GIUSTO PER INFORMAZIONE. Marco 6:17 (Nuova Riveduta): POICHÉ ERODE AVEVA FATTO ARRESTARE GIOVANNI E LO AVEVA FATTO INCATENARE IN PRIGIONE A MOTIVO DI ERODIADA, MOGLIE DI FILIPPO SUO FRATELLO, CHE EGLI, ERODE, AVEVA SPOSATA.

ANCHE NEI TARGUMIN, COMMENTARI AL TANHAK EBRAICO, IN ARAMAICO: “MEMRAM”, IN EBRAICO: “LA DAVÀR”, IN GRECO: “IL LÒGOS”, NON È UNA COSA ASTRATTA, MA UN ESSERE DIVINO, CIOÈ LA STESSA MANIFESTAZIONE DI YAHWÈH! INSOMMA, IL LÒGOS È LA SECONDA AUTORITÀ DELL’UNIVERSO, CHE ERA ED È IL PORTAVOCE E L’ESECUTORE DELLA VOLONTÀ DI YAHWÈH!

INFATTI, LA SCRITTURA DICE CHE YAHSHÙA È L’IMMAGINE DELL’ONNIPOTENTE, INVISIBILE, YAHWÈH. LEGGIAMOLO in Colossesi 1:15-16 (Nuova Riveduta): EGLI È L'IMMAGINE DEL DIO INVISIBILE, IL PRIMOGENITO DI OGNI CREATURA; POICHÉ IN LUI SONO STATE CREATE TUTTE LE COSE CHE SONO NEI CIELI E SULLA TERRA, LE VISIBILI E LE INVISIBILI: TRONI, SIGNORIE, PRINCIPATI, POTESTÀ; TUTTE LE COSE SONO STATE CREATE PER MEZZO DI LUI E IN VISTA DI LUI.

NOTIAMO CHE “LUI È L’IMMAGINE DI COLUI CHE È INVISIBILE, DELL’ONNIPOTENTE”; CIOÈ, NON L’IMMAGINE UMANA, COME NOI UOMINI CHE SIAMO FATTI AD IMMAGINE DI DIO. IL MESSIA IN ORIGINE AVEVA ED HA TUTTORA LE STESSE CARATTERISTICHE DIVINE DEL PADRE, PUR NON ESSENDO IL PADRE, OVVIAMENTE!

MA È UN DIO CON LA “DMAIUSCOLA, PERCHÉ YAHSHÙA NON È UN ANGELO QUALSIASI, È L’UNICO FIGLIO DI YAHWÈH. RIPETO “È LA SECONDA AUTORITÀ DELL’UNIVERSO. TRAMITE LUI SONO STATE CREATE TUTTE LE COSE SULLA TERRA E NEL CIELO!”.

NOTIAMO CHE “PRIMOGENITO DI OGNI CREATURA” ci viene confermata dallo stesso Yahshùa. Leggiamolo in Apocalisse 3:14 (Nuova Riveduta): ALL'ANGELO DELLA CHIESA DI LAODICEA SCRIVI: QUESTE COSE DICE L'AMEN, IL TESTIMONE FEDELE E VERITIERO, IL PRINCIPIO DELLA CREAZIONE DI DIO.

NOTIAMO QUI: IL PRINCIPIO DELLA CREAZIONE DI DIO”. IO MI FIDO DEL MESSIA CHE DICE: L'AMEN, IL TESTIMONE FEDELE E VERITIERO”. CIOÈ, SE ME LO DICE LUI, IL MESSIA, CHE È IL PRINCIPIO DELLA CREAZIONE DI DIO, IO LO CREDO! È IMPOSSIBILE CHE IL MESSIA SIA IL PRINCIPIO DELLA CREAZIONE DI DIO, SE NON È ESISTITO IN CIELO PRIMA DI NASCERE COME UOMO.

DIAMO DI NUOVO LA PAROLA A GIOVANNI BATTISTA. PER GIOVANNI BATTISTA, DA DOVE VENIVA YAHSHÙA? DAL CIELO?

ANCHE GIOVANNI BATTISTA È NATO PER UN EVENTO MIRACOLOSO, ED ERA PIENO DELLO SPIRITO SANTO. LEGGIAMOLO IN LUCA 1:15: PERCHÉ SARÀ GRANDE DAVANTI AL SIGNORE. NON BERRÀ NÉ VINO NÉ BEVANDE ALCOLICHE, E SARÀ PIENO DI SPIRITO SANTO FIN DAL GREMBO DI SUA MADRE.



FORSE GIOVANNI BATTISTA HA DETTO CHE YAHSHÙA ERA COME LUI, SCELTO DALL’ONNIPOTENTE CREATORE, PERÒ UNA MISSIONE DIFFERENTE DALLA SUA?

LUI, IL BATTISTA, DOVEVA FORSE PREPARARE LA VIA AD UN MESSIA DI ORIGINE UMANA? MENTRE IL MESSIA DOVEVA MORIRE IN CROCE, RISUSCITARE ED ESSERE ASSUNTO NEL CIELO, DOVE NON ERA MAI STATO PRIMA?

STANNO FORSE COSÌ LE COSE?

RICORDIAMO CHE GIOVANNI BATTISTA ERA PIENO DI SPIRITO SANTO FIN DAL GREMBO DI SUA MADRE! LEGGIAMO COSA HA DETTO GIOVANNI BATTISTA DI YAHSHÙA IN Giovanni 1:30 (Nuova Riveduta): QUESTI È COLUI DEL QUALE DICEVO: DIETRO A ME VIENE UN UOMO CHE MI HA PRECEDUTO, PERCHÉ EGLI ERA PRIMA DI ME.


NOTIAMO CHE HA DETTO DI YAHSHÙA: EGLI ERA PRIMA DI ME”. VOLEVA FORSE DIRE CHE IL MESSIA ERA NATO PRIMA DI LUI, CIOÈ DI GIOVANNI STESSO? NO DI CERTO, PERCHÉ, COME ESSERE UMANO, GIOVANNI ERA PIÙ VECCHIO DI ALMENO SEI MESSI RISPETTO A YAHSHÙA! DUNQUE NON STAVA DICENDO CHE YAHSHÙA ERA PIÙ VECCHIO DI LUI! ALLORA COSA STAVA DICENDO? STAVA DICENDO SEMPLICEMENTE CHE ESISTEVA PRIMA DI LUI IN CIELO!


LUI STESSO, CIOÈ GIOVANNI BATTISTA, CE LO CONFERMA. LEGGIAMOLO IN Giovanni 3:30-31 (Nuova Riveduta): BISOGNA CHE EGLI (YAHSHUA) CRESCA, E CHE IO (GIOVANNI) DIMINUISCA. COLUI CHE VIENE DALL'ALTO (CIELO) È SOPRA TUTTI; COLUI CHE VIENE DALLA TERRA È DELLA TERRA E PARLA COME UNO CHE È DELLA TERRA; COLUI CHE VIEN DAL CIELO È SOPRA TUTTI.

DUNQUE, QUI GIOVANNI BATTISTA AFFERMA, CON LA SUA MENTALITÀ EBRAICA, NON OCCIDENTALE, CHE YAHSHÙA ERA PRIMA DI LUI, PERCHÉ ERA IN CIELO.

RILEGGEREMO LE PAROLE DI GIOVANNI BATTISTA. Giovanni 3:30-31 (Nuova Riveduta): BISOGNA CHE EGLI (YAHSHUA) CRESCA, E CHE IO (GIOVANNI) DIMINUISCA. COLUI CHE VIENE DALL'ALTO (CIELO) È SOPRA TUTTI; COLUI CHE VIENE DALLA TERRA È DELLA TERRA E PARLA COME UNO CHE È DELLA TERRA; COLUI CHE VIEN DAL CIELO È SOPRA TUTTI”.

ANALIZZIAMO LE PAROLE DI GIOVANNI:

COLUI CHE VIENE DALL'ALTO (CIELO) È SOPRA TUTTI; COLUI CHE VIENE DALLA TERRA È DELLA TERRA E PARLA COME UNO CHE È DELLA TERRA; COLUI CHE VIENE DAL CIELO È SOPRA TUTTI”.

QUI GIOVANNI, IN ALTRE PAROLE, STA DICENDO CHE YAHSHÙA NON ERA DI QUESTO MONDO, MA VENIVA DAL CIELO ED ERA SUPERIORE A TUTTI, COMPRESO GIOVANNI STESSO”. EPPURE, COME ABBIAMO GIÀ LETTO, LO STESSO YAHSHÙA DICE CHE GIOVANNI ERA IL PIÙ GRANDE DI TUTTI GLI UOMINI NATI DA DONNA. E VI RICORDO CHE SE YAHSHÙA FOSSE STATO DI PROVENIENZA UMANA, GIOVANNI NON POTEVA AFFERMARE CHE YAHSHUA VENIVA DAL CIELO, NÉ CHE È SOPRA TUTTI, AL DI SOPRA DI OGNI COSA.

E NEANCHE YAHSHÙA POTEVA DIRE CHE GIOVANNI ERA IL PIÙ GRANDE FRA I NATI DA DONNA! E POSSIAMO ANCHE NOTARE CHE YAHSHÙA NON INCLUDE SE STESSO COME UN UOMO PERFETTO NATO DA UNA DONNA.




L’APOSTOLO PAOLO CE LO CONFERMA. LEGGIAMOLO IN 1 Corinzi 15:47 (Nuova Riveduta): IL PRIMO UOMO, TRATTO DALLA TERRA, È TERRESTRE; IL SECONDO UOMO È DAL CIELO.

NOTIAMO QUI: “IL PRIMO UOMO, TRATTO DALLA TERRA”, TERRESTRE!

IL SECONDO UOMO È DAL CIELO”, CELESTE!

QUI VEDIAMO CHE L’APOSTOLO PAOLO CONFERMA LE PAROLE DI GIOVANNI BATTISTA: “IL SECONDO UOMO, OSSIA IL MESSIA, VIENE DAL CIELO, ED È DI ORIGINE CELESTE!”. DUNQUE È IMPOSSIBILE CHE IL MESSIA NON PREESISTEVA CON IL PADRE NEL CIELO, PRIMA DI VENIRE QUI SULLA TERRA COME ESSERE UMANO.

LE PAROLE DI PAOLO E LE PAROLE DI GIOVANNI BATTISTA